0 Shares 220 Views

Renzi, elezioni 2018: ‘basta che a Palazzo Chigi vada un democratico’

Gianfranco Mingione - 9 gennaio 2018
Gianfranco Mingione
9 gennaio 2018
220 Views
renzi-elezioni-2018-vittoria-premier-pd

Obiettivo Palazzo Chigi. L’ex premier e segretario del Partito Democratico, Matteo Renzi, nel corso dell’intervista al programma di La 7, Otto e mezzo, ha parlato delle elezioni del 4 marzo. La Boschi sarà candidata “in più di un posto, come tutti gli altri”. La proposta di abolire le tasse universitarie, per Renzi è “un favore ai ricchi”.

Chi sarà il prossimo premier? A Renzi “basta che a Palazzo Chigi vada un democratico”. Ed il premier uscente, Paolo Gentiloni, “ha dimostrato di essere un ottimo Presidente del Consiglio”. In merito a Carlo Calenda, ministro dello Sviluppo economico, con il quale i rapporti sono stati spesso tesi, ha detto: “non è del Pd e lui stesso si è tirato fuori da questa sfida. Però ha un carattere tosto e spero ci possa dare una mano”. L’ex premier ha parlato anche di Padoan come “una delle ipotesi a cui stiamo lavorando: è stato un ottimo ministro e glielo abbiamo proposto. Il Pd metterà candidati di grande qualità”. Renzi sarà invece candidato in Lombardia e Campania e già si prepara allo scontro sulle candidature: “Mi accuseranno comunque di aver scelto fedelissimi: mi hanno accusato di tutto, anche dei sacchetti di plastica”.

L’abolizione delle tasse universitarie un favore ai ricchi. La proposta del presidente del Senato Pietro Grasso, candidato premier con la formazione di sinistra Liberi e Uguali, non è piaciuta a molti e soprattutto a Renzi: “Ogni voto che va a Liberi e Uguali, alla sinistra radicale, va a Salvini. È un favore ai ricchi e ai fuori-corso. Una norma scritta da Grasso ma pensata per Di Maio”. Grasso ha replicato via social, con un post su Facebook: “Abolire le tasse universitarie significa promuovere la giustizia sociale. Lo student act del Pd non risolve. Abbiamo il 26% di laureati nella fascia dei cittadini tra i 30 e i 34 anni, la media europea è del 40%. Vogliamo adottare politiche che favoriscano in tutti i modi di far crescere il livello di istruzione di questo Paese? Una di queste è abbattere i costi, per tutti”.

(Foto: Twitter)

Loading...

Vi consigliamo anche