0 Condivisioni 317 Leggi tutti gli articoli

Auto elettriche out entro il 2030 in favore dell’idrogeno?

Alessandro Crupi - 7 luglio 2019
Alessandro Crupi
7 luglio 2019
317 Leggi tutti gli articoli
Auto elettriche

Il futuro sembra in mano alle auto elettriche che dovrebbero soppiantare le gloriose colleghe a motore a scoppio. Sembra, appunto.

Il futuro delle auto elettriche secondo Continental

Perchè, nel dibattito sul tema che vede opinioni contrastanti sull’appetibilità delle auto elettriche s’inserisce una voce molto fuori dal coro, che predice un avvenire completamente diverso.

Non si tratta di una voce qualunque. È quella del Direttore del reparto comunicazioni e affari pubblici di Continental Felix Gress, ritenuto un profondo conoscitore del mercato automobilistico. Secondo la sua visione delle cose, l’elettrico sarà rimpiazzato già entro il 2030 dall’alimentazione a idrogeno.

Esistenza, quindi, particolarmente breve per le auto elettriche? Gress ne è più che è convinto: “Per i clienti accettare veicoli come questi è molto difficile – ha infatti affermato l’esponente di Continental – paghi un prezzo più alto ma hai prestazioni inferiori a quelle di un’automobile con motore a scoppio. Secondo le nostre previsioni la tecnologia delle batterie ha dei limiti evidenti.

L’idrogeno più conveniente delle auto elettriche

Per alcuni utenti, l’autonomia che garantisce è ancora troppo limitata (fonte www.motori.virgilio.it)”. Molto più roseo, in questo scenario ipotizzato da Gress, è invece l’avvenire dell’idrogeno rispetto alle auto elettriche applicato al trasporto quotidiano.

“Anche se adesso non è ancora arrivato il momento, entro il 2030 la tecnologia a celle combustibili sarà la grande protagonista del mercato automobilistico (fonte www.motori.virgilio.it)”, ha sottolineato ancora lo stesso Gress.

In quest’ottica, coloro i quali devono coprire distanze piuttosto lunghe potrebbero essere maggiormente attirati dall’utilizzo di mezzi a idrogeno rispetto a quelli elettrici. La motivazione principale di questa scelta sarebbe dettata dalla comodità di non doversi fermare spesso per ricaricare le batterie.

(Foto: www.auto.it)

Loading...

Vi consigliamo anche