0 Shares 331 Views
00:00:00
14 Aug

Esenzione bollo auto rottamata: novita 2018

La Redazione - 14 maggio 2018
La Redazione
14 maggio 2018
331 Views
esenzione bollo auto

Esenzione bollo auto: novità in Lombardia per chi rottama la vecchia auto. Tre anni di esenzione per chi rottama la vecchia e ne acquista una nuova.

Esenzione bollo auto: le novità

Tutti coloro che decidono di rottamare la propria auto più inquinante avrà un’esenzione bollo auto di almeno 3 anni. Questa novità però non riguarda tutti ma solo coloro che hanno la residenza in Lombardia e intendono sostituire il precedente mezzo con uno meno inquinante. Tale beneficio sarà riconosciuto solo a favore di coloro che acquisteranno un’auto Euro 5 o Euro 6 e con una cilindrata non superiore a 2000 cavalli.

La vecchia auto da rottamare deve essere Euro 0 o 1. Oppure deve avere un’alimentazione a gasolio in categorie comprese tra Euro 0 e 4. La possibilità di non pagare il bollo si estende anche a quelle vetture che appartengono allo stesso nucleo familiare oppure sono vincolate da un contratto di locazione finanziaria.

Riduzione inquinamento

Si tratta di un piccolo incentivo per poter ridurre in qualche modo, anche se in misura lieve, il tasso di inquinamento di queste città. Infatti, soprattutto lo scorso inverno e e comunque gli anni scorsi, alcune città lombarde erano le più inquinate d’Italia, ricevendo anche il monito da parte dell’Unione Europea.

Un altro passo verso l’obiettivo di rendere le città più pulite è stato quello di confermare lo sconto del 10% a chi paga con Rid bancario l’imposta automobilistica. Questa novità era già stata introdotta dal governatore precedente, Roberto Maroni. Queste riforme sono state introdotte solo dalla regione Lombardia. Ma non è detto che queste importanti soluzioni no vengano prese come esempio anche per altre regioni. Infatti lo scorso anno molte amministrazioni hanno dovuto fare i conti con l’inquinamento e la presenza di polveri sottili molto al di sopra della media e dei limiti consentiti dalle attuali direttive europee.

Ora bisognerà attendere per vedere quali sono stati i benefici effettivi di queste proposte.

[Foto: staticr1.blastingcdn.com]

Loading...

Vi consigliamo anche