0 Condivisioni 315 Leggi tutti gli articoli

Google abbandona Huawei. No agli aggiornamenti

Alessandro Crupi - 22 maggio 2019
Alessandro Crupi
22 maggio 2019
315 Leggi tutti gli articoli
Huawei-Google

Usa vs Cina. La guerra tecnologica è iniziata tra i due Stati. E ad attaccare sono stati gli Stati Uniti d’America che, tramite Google, hanno tolto a Huawei le licenze Android.

Aggiornamenti di Google Android per Huawei fino ad agosto

Ma non solo. Le aziende produttrici di chip e microchip hanno anche bloccato le forniture al colosso cinese, i cui smartphone sono utilizzati in tutto il mondo da un gran numero di clienti.

Le conseguenze di queste azioni durissime volute dall’amministrazione Trump si vedranno nel prossimo futuro in quanto tutti i cellulari prodotti da Huawei perderanno l’opportunità di avere accesso agli aggiornamenti di Android.

Ovvero il sistema operativo di Google con cui lavorano stabilmente gli stessi smartphone della casa cinese. L’ultima data di utilizzo è stata già stabilita dal Dipartimento del Commercio Usa. Fino al 19 agosto, infatti, sarà possibile aggiornare i propri dispositivi con le ultime specifiche Android.

Google trafigge Huawei per scelta del Governo Usa

Il provvedimento restrittivo implica che tutti i successivi telefoni cellulari di Huawei non usufruiranno di servizi tanto importanti quanto ormai estremamente comuni come Gmail e Play Store.

Perso Google Android, i cinesi stanno pensando ad immettere sul mercato un proprio sistema operativo, Huawei OS, la cui messa a punto, tuttavia, è ancora ben lontana dall’efficienza. La crociata anti-Huawei è stata determinata, come anticipato, dal Governo Usa che ha inserito la società di Shenzhen nella black-list delle entità commerciali.

La scelta in questa direzione è stata spiegata dal Ministro del Commercio degli Stati Uniti d’America Wilbur Ross: ” impedire che la tecnologia americana venga utilizzata da entità straniere in un modo tale da minare la sicurezza nazionale o gli interessi di politica estera (fonte www.repubblica.it)”.

Foto: (www.tpi.it)

Loading...

Vi consigliamo anche