0 Shares 275 Views

Fabrizio Moro e Ermal Meta sospesi da Sanremo

Emanuele Calderone - 8 febbraio 2018
Emanuele Calderone
8 febbraio 2018
275 Views
Fabrio Moro e Ermal Meta sospesi da Sanremo

Il primo scandalo, o presunto tale, che si è abbattuto su Sanremo 2018 riguarda due dei nomi più in voga tra i giovani: Fabrizio Moro e Ermal Meta.

Secondo i pareri di alcuni, la canzone da loro presentata, intitolata “Non mi avete fatto niente”, sarebbe molto molto simile a un altro brano che, due anni fa, venne presentato al festival. Il pezzo in questione è “Silenzio”, cantata da Ambra Calvani e Gabriele de Pascali.

Dopo le polemiche, la RAI, in accordo con il direttore artistico del festival, Claudio Baglioni, hanno deciso di sospendere momentaneamente i due cantanti, per poter far luce sulla vicenda.

Inizialmente la RAI aveva deciso di non prendere alcun tipo di provvedimento nei confronti dei ragazzi, poiché stando a quanto detto dal vicedirettore RAI “Non si tratta di un plagio, l’autore è lo stesso e il regolamento prevede la possibilità di campionare o usare stralci di altri autori, per un totale non superiore al 30%. Quindi la canzone ha i requisiti di un brano nuovo a tutti gli effetti. Non c’è nessuno scoop, non si tratta di plagio. Febo aveva dichiarato la rielaborazione del suo brano. Da regolamento è prevista la possibilità di campionare brani o usarne stralci per un totale non superiore al 30%. La canzone, quindi, ha i requisiti di brano nuovo a tutti gli effetti. La Rai ora sta valutando e stiamo facendo delle riflessioni”.

Baglioni ha poi aggiunto “C’è tutta una giurisprudenza che va cauta su questioni di plagio, ormai siamo rovinati dal punto di vista musica popolare, tutta quella orecchiabile e non solo è stata scritta, anche la dodecafonica e la musica dei rumori, trovate in tutte le canzoni del mondo dei riferimenti perché ahimé è vero che sono 12 le note che poi arrivano all’orecchio, bisogna andare cauti anche grandi compositori come Morricone ritengono ridicola la pretesa che qualcuno accampi il plagio, a meno che non si dimostrino intenzione e dolo”.

[fonti articolo: tgcom24.mediaset.it, corriere.it, gazzetta.it]

[foto: ilpost.it]

Loading...

Vi consigliamo anche