0 Shares 357 Views

Uffizi: l’avvio alla campagna social per celebrare la Primavera

Violetta Grieco - 21 marzo 2018
Violetta Grieco
21 marzo 2018
357 Views
La Primavera di Botticelli

Il più importante museo di Firenze ha deciso di celebrare l’arrivo della Primavera lanciando una campagna social internazionale che parte il 21 Marzo, dedicata al grande maestro Sandro Botticelli.

#BotticelliSpringMarathon è una maratona ideata dal Dipartimento di Comunicazione Digitale degli Uffizi e che partirà via Twitter: gli utenti sono invitati a menzionare il profilo @UffiziGalleries pubblicando una propria interpretazione originale proprio de “La Primavera” inserendo l’hashtag indicato.

Gli scatti più accattivanti saranno poi parte di una mostra virtuale dal titolo “Con la Primavera negli occhi…”, che sarà pubblicata sul sito www.uffizi.it. Non occorre che il dipinto sia presente nella fotografia, quello che è importante è creare un’immagine fortemente suggestiva e che sia in grado di celebrare al meglio il messaggio che l’artista ci ha voluto lasciare.

Coloro che vorranno prendere parte a questa iniziativa sono invitati a seguire l’account del museo per vedere gli aggiornamenti in tempo reale e per scoprire i vincitori del contest.

Le opere di Botticelli sono conservate in diversi musei e per l’occasione Louvre, Prado, National Gallery di Londra, National Gallery of Scotland, Hermitage, Museo PuškinIsabella Stewart Gardner Museum di Boston, Museum of Fine Arts di Houston, Museo Poldi Pezzoli celebreranno questo giorno speciale donando “virtualmente” parte della loro collezione riconducibile a Botticelli pubblicando dettagli che evocano proprio il tema della Primavera.

Firenze si fa quindi ancora capitale di un nuovo Rinascimento ed il museo per i nove giorni successivi continuerà la sua campagna social su Twitter pubblicando altre opere del maestro.

Ci auguriamo che partecipiate numerosi e che questo sia un nuovo e splendido inizio per tutti ed una grande occasione di rinascita.

Per ulteriori informazioni: www.uffizi.it

[Foto: www.arteworld.it]

Loading...

Vi consigliamo anche