0 Shares 317 Views

Inghilterra e Olanda tornano a ruggire

LaRedazione - 22 novembre 2018
LaRedazione
22 novembre 2018
317 Views
Inghilterra e Olanda tornano a vincere

Erano due sistemi calcistici in crisi, soprattutto per quanto riguarda le nazionali con una delle due che non aveva neppure giocato il Mondiale l’estate passata. Inghilterra e Olanda si sono invece ora redente e saranno finaliste della Nations League nel torneo a quattro squadre che si giocherà nel prossimo giugno in Portogallo, sede per ora ufficiosa che verrà confermata il prossimo 3 dicembre. Insieme a loro ci saranno la Svizzera e lo stesso Portogallo, che ha fermato l’Italia sullo 0-0 in quel di Milano ed ha portato a casa la meritata qualificazione. Ma al di là di tutti i calcoli che si potranno fare fino a giugno per arrivare bene a questo evento, va sicuramente evidenziato il grande ritorno alla ribalta di due scuole storiche del calcio europeo. Se l’Inghilterra dal canto suo aveva già fatto sentire di essere di nuovo tra le grandi del pianeta durante i mondiali di Russia, dove arrivò in semifinale, l’Olanda si è invece da poco rialzata dopo l’incredibile delusione di non aver preso parte né agli europei del 2016 né tantomeno agli ultimi mondiali.

L’artefice della grande riscossa dei tulipani è stato Ronald Koeman, ex difensore di altissimo livello famoso per la potenza con la quale calciava le punizioni, che dopo tanto girovagare per vari club d’Europa ha accettato l’incarico della federazione olandese nello scorso febbraio in seguito alle dimissioni di Dick Advocaat. La grande riscossa dell’Olanda è avvenuta dunque fin dal basso, con l’ex calciatore di Barcellona ed Ajax che ha provato a imporre un calcio più moderno e dinamico. Adesso, i tulipani sfideranno il Portogallo di Cristiano Ronaldo, che per ora si sta concentrando a vincere lo Scudetto in Italia con la Juventus, la grande favorita secondo le scommesse sulla Serie A di bet365, ma che potrebbe prendere parte alla Final Four in estate. Aver puntato su elementi come Virgil Van Dijk e Memphis Depay, ala trasformata in centravanti, oltre che su giovani come il difensore centrale De Ligt e il regista De Jong, si è rivelata una scelta vincente per Koeman, che sta dando nuovo lustro alla scuola calcistica olandese.

Dal canto suo, Gareth Southgate ha invece seguito la falsa riga di quanto proposto al mondiale, dove soltanto una Croazia in versione eroica ha impedito alla nazionale dei Tre Leoni di giocarsi tutto in un’inedita finale con la Francia. La rivincita è però arrivata subito propria nella Nations League, con l’Inghilterra che ha battutto i vice campioni del mondo con una rimonta strepitosa culminata con il goal di Harry Kane, per Southgate il miglior attaccante del momento. La grande spinta di uno straripante Wembley e la voglia di vincere dei vari Kane, Pickford e Rashford, senza dubbio gli uomini di punta della nazionale britannica, hanno permesso il secondo exploit in pochi mesi di una squadra che punta a scrivere nuove pagine della storia del calcio inglese. Dopo aver vinto soltanto un trofeo, ossia il mondiale del 1966, la compagine che rappresenta il paese dove è nato il calcio cercherà di rivendicare la sua paternità con una vittoria l’estate prossima.

Loading...

Vi consigliamo anche

Il dramma di Gianluca Vialli
Calcio

Il dramma di Gianluca Vialli

Martina Manoni - 27 novembre 2018
Chi è Roberta Noè?
Calcio

Chi è Roberta Noè?

Martina Manoni - 20 novembre 2018