0 Shares 251 Views
00:00:00
16 Aug

F1, sarà ancora duello Hamilton-Vettel

Alessandro Crupi - 16 maggio 2018
Alessandro Crupi
16 maggio 2018
251 Views
Hamiton-Vettel F1

Hamilton 95, Vettel 78. Nessuno si sarebbe mai aspettato un vantaggio di 17 punti del campione del mondo inglese in carica sul forte pilota tedesco della Ferrari in classifica generale dopo quanto avvenuto nelle prime due gare di Campionato di F1.
Perché semplicemente la Rossa di Maranello era partita a razzo sia in termini di risultati in pista che di competitività espressa.

Ferrari forte ma sprecona

Una Ferrari lanciatissima con il suo alfiere che si è aggiudicato di velocità, astuzia e strategia i Gp inaugurali di Australia e Bahrain.
Poi è iniziato l’inferno con le sciagurate gare di Cina e Baku, che hanno ribaltato la situazione. A Shanghai gara rovinata dal tamponamento del solito Max Verstappen mentre a Baku, tra safety-car, sfortuna e una condotta di gara non perfetta soprattutto sul piano della strategia cambia tutto.
In Oriente Vettel raccoglie solo un ottavo e un quarto posto.

Hamilton si è rilanciato alla grande dopo Baku

La dea bendata assiste, invece, Hamilton che conclude davanti al rivale ferrarista in Cina e trionfa a Baku grazie alle disavventure della stessa Ferrari e del suo compagno di squadra Bottas.
Questa vittoria a lui completamente regalata dalla sorte lo rilancia a livello psicologico facendolo emergere dallo stato depressivo manifestato nelle prime quattro gare.
E così in Spagna, domenica scorsa, arriva il suggello con una corsa dominata dall’inizio alla fine.

Quanto contano le gomme nella risurrezione Mercedes?

Grazie ad una Mercedes improvvisamente risorta dopo le grosse difficoltà prestazionali incontrate precedentemente nella gestione delle gomme. Merito dei nuovi pneumatici modificati in alcuni tracciati (tra cui Barcellona) per ragioni di sicurezza dalla Pirelli? O anche degli aggiornamenti telaistici?
Lo sapremo già dal prossimo Gp di Montecarlo tra due settimane e, soprattutto, in Francia e Gran Bretagna dove si utilizzeranno le stesse gomme di scena in Spagna. Di sicuro non era affatto scontato che una Mercedes quasi bollita per quattro volte potesse apparire così in forma improvvisamente da un Gp all’altro. Ed è altrettanto certo che la Ferrari ha sprecato tante occasioni per fuggire via in testa al Mondiale annullando il valore di tre pole position consecutive.
L’imperioso ritorno di Hamilton potrebbe essere una mazzata psicologica per il Cavallino ma ancora il Mondiale è molto lungo e aperto, oltre che incerto. Ogni gara, infatti, riserva sorprese e colpi di scena che cambiano le carte in tavola tra i big.

Il duello Hamilton-Vettel entra nel vivo

Ma ciò non toglie che anche quest’anno sarà una sfida Hamilton-Vettel per la conquista del titolo iridato di F1, per qualità di guida e del mezzo tecnico che hanno a disposizione.
Un passo indietro sono gli scudieri Raikkonen e Bottas oltre alla Red Bull, a cui ancora manca quel quid che le consenta di lottare alla pari con Ferrari e Mercedes.

Le novità regolamentari 2018

Tra le novità tecniche introdotte quest’anno in F1 dal nuovo regolamento spicca la vistosa e discussa protezione per l’abitacolo (Halo).
Sono state poi abolite le appendici aerodinamiche a forma di squalo sul cofano motore assieme alle T-Wing, è stato fissato a 3 il numero massimo di power unit da utilizzare nell’arco della stagione mentre la Pirelli ha sfornato due nuove tipologie di gomme: le velocissime Hypersoft e le Superhard.
È stato infine vietato alle scuderie di variare la struttura di collegamento tra sospensione anteriore e montante per evitare modifiche curva dopo curva dell’altezza da terra della monoposto.

[Immagine: www.essentiallysports.com]

Loading...

Vi consigliamo anche

Europei di nuoto: vola l’Italia
Sport

Europei di nuoto: vola l’Italia

Emanuele Calderone - 10 agosto 2018
Coppa Italia, scende in campo la Serie A
Calcio

Coppa Italia, scende in campo la Serie A

Alessandro Crupi - 8 agosto 2018
Il Var sui maxischermi degli stadi
Calcio

Il Var sui maxischermi degli stadi

Alessandro Crupi - 7 agosto 2018
Paolo Maldini ritorna al Milan
Calcio

Paolo Maldini ritorna al Milan

Alessandro Crupi - 6 agosto 2018