0 Shares 260 Views
00:00:00
23 Sep

Valentino Rossi, l’epopea di un campione divenuto imprenditore

La Redazione - 7 agosto 2017
La Redazione
7 agosto 2017
260 Views
Valentino Rossi imprenditore

Un personaggio come Valentino Rossi non ha bisogno di presentazioni: le sue gesta motociclistiche sono ormai leggendarie, ma soprattutto i nove Mondiali vinti con diverse scuderie dimostrano, senza nessun dubbio, tutta la sua qualità sportiva. Ma oggi c’è un altro Rossi, forse meno conosciuto ai media ma altrettanto importante, ossia il sagace imprenditore, l’uomo che, da solo, gestisce un’azienda con cui cura il suo merchandising.

Il Dottore (come viene affettuosamente chiamato dai suoi fan) da tempo gestisce una società per azioni all’interno di un palazzo nella città di Vutullia, a pochi chilometri da Urbino, dove Rossi nacque quel fatidico 16 febbraio del 1979. All’interno di questo palazzo Valentino ha creato una sorta di Silicon Valley tutta all’italiana, dando vita a idee e progetti imprenditoriali che lo riguardano in prima persona.

Il nome della sua società è VR46 ed è stata fondata nel 2012. In questi anni l’impresa di cui è titolare ha visto crescere i suoi dipendenti fino a un numero di quarantasei. Tutti amici, conoscenti intimi del Dottore, che sin dalle sue prime gare trascorrevano del tempo con lui. Un campione dello sport dunque, che lo diventa anche della vita, perché grazie alla sua idea è riuscito a sistemare i suoi conoscenti, creando per loro un lavoro e dando un futuro a molte famiglie.

Il Presidente delle VR46 è il papà di Valentino, un uomo che gli è sempre rimasto accanto, anche nei momenti più difficili. Soprattutto quando il fisco italiano contestò al campione sessanta milioni di contributi non dichiarati.

Rossi grazie alla sua azienda produce t-shirt, cappellini, felpe, magliette e altri accessori legati al suo nome, ormai divenuto un vero e proprio brand.
Nel corso degli anni è riuscito a sfruttare il suo marchio presso i colleghi motociclisti, per arrivare alla società sportiva della Juventus: lui, tifoso sfegatato dell’Inter, si è trovato al tavolo delle trattative con la famiglia Agnelli.

Poco importano le rivalità però perché, si sa, negli affari quello che conta sono i soldi. E da questo punto di vista la VR46 è un esempio di grande imprenditoria: la società, infatti, solo nel 2016 ha fatturato la cifra record di venti milioni di euro, con un utile pari al 3,5%. Niente male per questo ragazzo di periferia che, con le idee e la tenacia, si è costruito una carriera incredibile.

In sella alla sua amata Yamaha vuole conquistare il decimo titolo MotoGP per entrare nella leggenda. Ma Rossi sa di essere un vincente anche dietro a una poltrona e, quando arriverà il momento del ritiro, gli imprenditori di tutta Italia dovranno temerlo. Perché a Valentino piace arrivare primo.

[Fonte articolo e foto: notizie.tiscali.it]

Loading...

Vi consigliamo anche

Il “Sarrismo” entra nella Treccani
Calcio

Il “Sarrismo” entra nella Treccani

Alessandro Crupi - 14 settembre 2018
Fascia di capitano per Astori, il sì della Lega
Calcio

Fascia di capitano per Astori, il sì della Lega

Alessandro Crupi - 13 settembre 2018
Nazionale calcio italiana, così non va
Calcio

Nazionale calcio italiana, così non va

Alessandro Crupi - 11 settembre 2018