0 Shares 172 Views
00:00:00
15 Aug

L’ortosonnia, quando il sonno perfetto diventa un’ossessione

Martina Manoni - 8 aprile 2018
8 aprile 2018
172 Views
ortosonnia

L’ortosonnia consiste in un atteggiamento ossessivo nei confronti del sonno, che si manifesta con il controllo eccessivo della qualità del riposo per mezzo di dispositivi tecnologici. La parola ortosonnia significa infatti “sonno corretto”.
Si tratta di un disturbo ancora poco conosciuto, anche se recentemente se n’è parlato parecchio negli Stati Uniti, dove è stato pubblicato uno studio sulla rivista Journal of Clinical Sleep Medicine condotto dai ricercatori della Rush University Medical School e dalla Feinberg. La ricerca ha analizzato i comportamenti delle persone affette da ortosonnia, ovvero soggetti ossessionati dal proprio modo di dormire.

L’ortosonnia si manifesta quando l’individuo tende a controllare in modo compulsivo l’andamento e la qualità del proprio sonno, in pratica si desidera dormire un certo numero di ore e in un determinato modo e se ciò non accade si vive un forte stress. I soggetti colpiti da ortosonnia, secondo la ricerca americana, sono così ossessionati dal proprio sonno che spesso si autoconvincono di avere dei disturbi legati al sonno. Il problema è che spesso è proprio la loro ossessione a causare stati di ansia e stress, che alla fine portano realmente a dei seri disturbi del riposo. Chi soffre di questa patologia si reca dal medico dichiarando di soffrire di insonnia o di avere altri disturbi sempre legati al sonno.

L’ortosonnia può portare le persone che ne soffrono ad essere particolarmente irritabili, stressati e stanchi se non vengono raggiunte le ore di sonno desiderate, in base a quanto è stato rilevato dal dispositivo che monitora il loro riposo.

La ricerca ha dimostrato inoltre che sono sempre di più gli americani che si avvalgono di apparecchi tecnologici in grado di monitorare la qualità e la durata del proprio sonno. Questa tipologia di strumenti è utilizzata dal 10% degli americani adulti, e si sta diffondendo sempre di più anche tra la popolazione europea, soprattutto per chi pratica sport e fa regolare attività fisica.

[Foto: https://dilei.it/]

Loading...

Vi consigliamo anche