0 Condivisioni 528 Leggi tutti gli articoli

Delitto di Garlasco: arrivano nuovi sviluppi

Emanuele Calderone - 21 dicembre 2016
Emanuele Calderone
21 dicembre 2016
528 Leggi tutti gli articoli
nuovi risvolti nel delitto di Garlasco

Il delitto di Garlasco, che ha visto come vittima Chiara Poggi, è una delle pagine di cronaca nera più dolorose che abbiano riguardato il nostro paese.

Il 13 Agosto 2007 il fidanzato della vittima, Alberto Stasi, chiamò la polizia per informarli che la sua ragazza era morta. Da lì in poi è stato un vero e proprio calvario: Stasi venne accusato di essere l’omicida della giovane, con una condanna pesantissima a 16 anni di reclusione.

Pare però che il verdetto possa essere ribaltato, questo perché la difesa di Alberto Stasi, dopo essersi rivolta a un’agenzia di investigazioni e a un noto genetista, pare aver recuperato la prova che non fu il giovane ad uccidere Chiara. Sembra infatti che sotto le unghie di Chiara siano stati rinvenuti dei campioni di pelle che scagionerebbero definitivamente l’uomo. Il DNA avrebbe infatti dimostrato che potrebbero essere di un amico di Chiara le tracce rinvenute sotto le sue unghie. Ma chi sarebbe questa fantomatica persona? I legali dell’uomo mantengono il totale riserbo e attendono ulteriori risvolti, per evitare che la persona in questione possa cadere in un linciaggio mediatico simile a quello cui, sempre secondo gli avvocati, è stato sottoposto Stasi.

La mamma di Chiara ha commentato quanto accaduto, dichiarando “È una cosa che non ci aspettavamo. Siamo rimasti sorpresi. Sia io che mio marito che mio figlio. Ognuno è libero di pensare e fare ciò che crede. Ma penso che, dopo nove anni, sia ora di lasciare in pace nostra figlia. Basta, davvero”.

A chi credere in questa losca faccenda? Certo, se Stasi non fosse colpevole, sarebbe stato rinchiuso in carcere per un anno senza alcuna ragione. Ma i genitori di Chiara hanno tutte le ragioni di essere stanchi: questa faccenda andrebbe chiusa quanto prima.

[fonti articolo: quotidiano.net, repubblica.it, lastampa.it]

[foto: today.it]

Loading...

Vi consigliamo anche