0 Shares 242 Views

Natale nel Salento, tra presepi di sabbia e alberi di natale sul mare

LaRedazione - 18 dicembre 2018
LaRedazione
18 dicembre 2018
242 Views
eventi del Natale nel Salento

Non a caso definito spesso “i Caraibi d’Italia” o “le Maldive italiane”, il Salento anche a Natale ci sorprende. Lo fa questa volta con un magnifico albero addobbato per le feste proprio in riva al mare, sulla spiaggia di Torre Lapillo, allestito nel giorno dell’Immacolata. Quell’8 dicembre che segna, un po’ in tutto il Paese, l’avvio delle celebrazioni per la festa più bella e sentita dell’anno, e che durerà sino al 6 gennaio.

L’iniziativa, giunta alla sua terza edizione, è davvero unica e molto originale. Anche per il nome che le viene dato, “Porta le palle in spiaggia! All’albero ci pensiamo noi!”, assegnato dagli abitanti della vicina frazione di Porto Cesareo. Prevede la donazione, da parte di chiunque lo voglia, di un addobbo proprio per continuare ad abbellire il particolare allestimento natalizio sul mare, arricchito anche da tanti pacchi regalo sulla sabbia. Come si conviene nella migliore tradizione, sistemati proprio sotto l’albero che, al calare della sera, si illumina con le sue luci colorate e suggestive, e che aggiungono un fascino in più alla scena.

Ma i riti particolari della Puglia salentina non finiscono qui. A Scorrano, infatti, una località nell’entroterra della penisola salentina, a circa 35 km dal capoluogo salentino, è stato realizzato uno dei 3 presepi monumentali di sabbia italiani creati per questo Natale (gli altri due si trovano a Jesolo e in Vaticano). La Natività è riprodotta con 1090 quintali di sabbia e 800 di tufo, all’interno del Chiostro del Convento degli Agostiniani, un edificio di notevole valenza storica, costruito nel 1400 ed ampliato 3 secoli dopo. I tanti metri cubi di sabbia sono stati affidati alle mani esperte di tre artisti di fama mondiale di diverse nazionalità, dal nostro connazionale Leonardo Ugolini all’olandese Marielle Heessels e al belga Mac David. In un intero mese di lavoro, infatti, hanno realizzato un presepe che riproduce i temi classici del Natale, rivisitati, però, con elementi cardine del territorio salentino e della sua tradizione.

Un vero e proprio gioiello di architettura, il primo di questo genere in Puglia, sostenuto dall’associazione di volontariato ‘Promuovi Scorrano’, e presentato a Lecce dal suo Presidente, Vito Maraschio, il 13 dicembre, giorno di Santa Lucia. E’ costituito da tre segmenti, di cui il primo rappresenta la Natività, il secondo il classico paesaggio, arricchito dal castello di Erode sullo sfondo, e l’ultimo l’arrivo dei 3 Re Magi.

Visitabile anch’esso sino al giorno dell’Epifania, il Presepe di Sabbia, così come l’Albero addobbato sulla sabbia di Torre Lapillo, si pone come una fra le caratteristiche più suggestive, in grado di rendere ancora più caldo e coinvolgente il Natale nel Salento. Per viverlo nella sua più completa atmosfera, anche alberghi ed hotel delle zone più rinomate della penisola salentina, attendono i turisti e visitatori con le loro strutture “aperte per ferie”. Questo permette di ampliare sempre più le politiche ricettive che, negli anni precedenti, vedevano l’estate come l’unica stagione per soggiornare nelle strutture alberghiere o, per lo meno, dalla primavera inoltrata.

Il criterio di destagionalizzazione, avviato negli ultimi periodi, continua il suo percorso, mettendo a disposizione sempre più hotel attrezzati anche per i pernottamenti invernali. Sono resi ancora più magici da situazioni così artistiche e particolari, con atmosfere che identificano la festa religiosa più importante nel mondo cattolico e che, nel Salento, quest’anno ha una marcia in più. Anzi, due! 

Loading...

Vi consigliamo anche